Capi di abbigliamento per bambini - cosa deve sapere l'importatore

Ritratto di Ing. Renato Delaini
abbigliamento, cordoni, lacci, magliette, bimbo, bambino, felpe, bikini, sequestro, dogana, cappuccio, elastico

 
Gli importatori da extra UE di capi di abbigliamento per bambini devono accertarsi di rispettare alcuni requisiti di sicurezza, che vengono ormai controllati in modo intensivo dalle Autorità di controllo, in particolare dall’Agenzia delle Dogane.
 
I sequestri per articoli di questi tipo sono davvero frequenti, e in generale l’importatore non ha tutte le informazioni e non sa come comprare.
 
Fra i vari requisiti da rispettare in questo caso la Commissione europea – con la decisione del 29 marzo 2011-  ha definito con esattezza quello che riguarda lunghezza cordoncini e lacci, che possono comportare rischi di strangolamento.
Eco la norma da rispettare: Norma EN 14682:2007 - requisiti europei di sicurezza dei capi, per la tutela dei bambini.
 
Produttori, distributori, importatori e dettaglianti devono assicurare che i cavi e lacci in abbigliamento per bambini siano conformi alla norma europea EN 14682:2007 o fornire un livello di sicurezza equivalente.
I genitori possono anche seguire le raccomandazioni di base, tra cui:
         Abbigliamento per bambini fino a 7 anni (altezza 1,34 m) non dovrebbe avere lacci o corde nella zona cappuccio e collo.
         Abbigliamento per 7 e 14 anni non dovrebbe avere cavi più lunghi di 75 mm (7,5 cm) nella zona cappuccio e collo o lacci con estremità libere. I cordoni nella zona cappuccio e collo non deve essere elastico fatta eccezione per tracolle e manici cavezza.
         Vestiti per i bambini non dovrebbero avere i cavi o lacci con estremità libere più lungo di 140 mm (14 cm) nella zona del torace e vita.
                  Vestiti per bambini destinati a essere legati al fronte non devono avere le cinture legate o fasce più lungo di 360mm (36 cm). Misurata slegato dal punto in cui essi devono essere legati.
 
 

Menu principale